Il Tonno Rosso del Mediterraneo

Il Tonno Rosso del Mediterraneo: curiosità

Il famoso Tonno Rosso del Mediterraneo ha tanti nomi: thunnus thynnus, bluefin tuna (tonno pinna blu per la colorazione bluastra sul dorso), noi a Marsala semplicemente lo chiamiamo in gergo “ tunnu”, evocando così la forma affusolata del pesce.
Da alcune ricerche sembrerebbe che il nome “tonno” sia di origine fenicia a testimonianza del fatto che la pesca del tonno rosso era una pratica già molto diffusa nel passato tra le civiltà che si affacciavano sul Mar Mediterraneo.
Il tonno rosso oltre ad essere uno dei più grandi pesci del Mar Mediterraneo è davvero un animale affascinate con delle caratteristiche uniche: può raggiungere i 3 metri di lunghezza e pesare addirittura alcuni quintali!
Il nostro motopesca Delia Assunta ha registrato la cattura del suo più grande tonno rosso nel lontano 1993: 504 chilogrammi!
E’ un pesce velocissimo, compie lunghissime migrazioni: ogni anno, quasi avesse un navigatore satellitare al suo interno, fa sempre lo stesso percorso, senza cambiarlo mai.
In primavera, il cosidetto “tonno di andata” si sposta dall’ Atlantico verso il Mediterraneo per riprodursi, mentre in autunno, il “tonno di ritorno” ritorna, appunto, nell’oceano. Anche se ci sono altre tesi in merito.
Questa distinzione è importante perchè le carni del “tonno di andata o di corsa” sono più gustose e grasse rispetto a quelle del “tonno di ritorno”.
E poi, vi siete mai chiesti perchè questo tonno si chiami rosso?
Le sue carni infatti sono di un colore rosso-scuro opaco, come quello che vedete qui in foto.
Il tonno rosso è uno straordinario “animale a sangue caldo”, riesce ad aumentare la sua temperatura corporea grazie al movimento dei suoi muscoli, e la presenza di un’enorme quantità di vasi sanguigni che nutre tutta la sua possente struttura muscolare dà un gusto ed una compattezza unica alle sue carni.
Curiosi di assaggiarlo?

{fastsocialshare}